Indietro  Ricerca per famiglia botanica

informazione  Selezionando una delle famiglie botaniche dalla casella sottostante si otterrà una lista delle erbe appartenenti alla famiglia botanica scelta.


DESCRIZIONE Ranunculaceae

Formula fiorale: K 5, C 5, A molti G 1-molti

La famiglia delle Ranunculaceae comprende per lo più piante erbacee soprattutto perenni con foglie alterne prive di stipole, spesso divise. Si tratta di un grande gruppo con circa 1200 specie diffuse nelle regioni dell'emisfero boreale; in alcune regioni temperate fredde possono costituire l'elemento dominante della flora (es. in Siberia, 20% delle Angiosperme). La loro origine nordica è confermata dalla precocità della loro fioritura che alle nostre latitudini avviene generalmente in inverno o all'inizio della primavera. I caratteri distintivi della famiglia risiedono soprattutto nella disposizione spiralata o ciclo-spiralata degli elementi fiorali, disposti su un ricettacolo convesso più o meno allungato, la presenza di un gran numero di stami dei quali i più esterni trasformati in nettari, e i carpelli liberi tra loro (ovario apocarpico). Al di fuori di questi caratteri comuni i fiori presentano morfologie molto diverse. Si distinguono fiori aciclici in cui solo il calice è verticillato (Helleborus) che rappresentano il tipo più arcaico da cui derivano gli altri tipi; fiori emiciclici con gli elementi perianziali verticillati ed elementi sessuali con disposizione spiralata (Ranunculus); fiori euciclici, i più evoluti, in cui tutti gli elementi sono verticillati (Aquilegia). Il perianzio è spesso un semplice perigonio (Caltha) ma più spesso è doppio e suddiviso in calice e corolla (Ranunculus); esso è interpretato come una modificazione di foglie bratteali (Helleborus) o può essere di derivazione staminale (Hepatica).
Il frutto può essere un poliachenio, un follicolo, una capsula o una bacca plurisperma (Actaea). La fecondazione è entomogama. La famiglia è suddivisa convenzionalmente in varie sezioni: Clematideae, caratterizzate da calice petaloide, mancanza di vera corolla, molti carpelli con disposizione spiralata, achenio come frutto, foglie opposte, portamento arbustivo-lianoso (Clematis cirrhosa); Anemoneae, piante erbacee con foglie sparse, provviste di molti carpelli con disposizione a spirale e frutto ad achenio; Ranunculeae, con calice sepaloide e corolla di petali nettariferi di derivazione staminale, numerosi carpelli con disposizione a spirale e frutto ad achenio (Ranunculus); Helleboreae, comprendenti specie con calice petaloide e corolla di nettari di origine staminale, gineceo con pochi carpelli verticillati e frutto a follicolo (Helleborus).
Alle Ranunculaceae appartengono diverse specie velenose o medicinali che sono utilmente impiegate nella medicina tradizionale, quali, ad esempio, l'aconito ( Aconitum napellus) e l'adonide (Adonis vernalis). Alcune sono utilizzate quali piante ornamentali per la bellezza dei loro fiori, tra cui diverse cultivar appartenenti ai generi Consolida, Anemone, Ranunculus, Aquilegia.
Allo stato spontaneo nelle regioni mediterranee le Ranunculaceae sono discretamente diffuse e si ritrovano in diversi ambienti, quali, in particolare, faggete (Anemone apennina), querceti caducifogli (Thalictrum calabricum), leccete e querceti termofili (Clematis vitalba), cespuglieti e macchia (Clematis cirrhosa), corsi d'acqua, nei quali possono costituire densi popolamenti idrofitici (Ranunculus baudotii), stagni temporanei (Myosurus minimus), prati aridi montani (Ranunculus millefoliatus), colture di cereali, ove rientrano tra le infestanti (Adonis annua).

[Dipartimento di botanica - Università di Catania]


13 Erbe nelle Ranunculaceae

ACONITO
Aconitum Napellus L.

Tossicità

VELENOSA O LETALE

ADONIDE ESTIVALE
Adonis aestivalis L.

Tossicità

VELENOSA O LETALE



ELLEBORO
Helleborus niger L.

Tossicità

ALTISSIMA


FAVAGELLO
Ranunculus Ficaria L.

Tossicità

RELATIVA A QUANTO SPECIFICATO

IDRASTE
Hydrastis canadensis L.

Tossicità

RELATIVA A QUANTO SPECIFICATO

NIGELLA
Nigella sativa L.

Tossicità

MEDIA




VITALBA
Clematis vitalba L.

Tossicità

MEDIA